Librino

Librino-featured

Il 10 gennaio 2014 era un venerdì ed un nostro collaboratore si trovava sotto il “palazzo di cemento”.

Era lì con la sua fotocamera e voleva raccontare, ancora una volta, il quartiere di Librino.

Voleva raccontare il degrado e l’abbandono del quartiere e del suo popolo.

Voleva raccontare la città nella città.

Voleva raccontare la distanza tra queste e l’ingiustizia sociale che ne deriva.

Voleva raccontare, attraverso un giornalismo libero, di base e di verità, i luoghi dove è nato.

Ma a qualcuno questo ha dato fastidio, ed ecco che Luciano viene aggredito, pestato e derubato della sua fotocamera.

La città onesta, democratica e antimafiosa si ribella e gli sta accanto.

Le istituzioni fanno dichiarazioni di solidarietà. Solo parole?

Il presidente del Teatro Stabile, Nino Milazzo, invia un telegramma di solidarietà e mette a disposizione il teatro per lo spettacolo “Librino” che, da tempo, il nostro Luciano porta in giro per narrare com’era e com’è oggi il suo quartiere.

Narra la sua fanciullezza, i suoi amici, le partite di pallone in un campetto improvvisato, il tutto in un’ora tra parole e musica.

Oggi, l’impegno del Teatro Stabile di Catania è una realtà!

Un impegno civile mantenuto!

Un impegno, per narrare alla nostra Catania i nostri quartieri attraverso il palcoscenico del Teatro Musco.

Così accade che il 29 aprile 2014 alle 21,00 Librino andrà in scena, insieme ai ragazzi e alle ragazze dell’Orchestra Sinfonica Infantile Falcone Borsellino, diretta da Manuel Frias, per ricordare ai cittadini e alle cittadine di Catania che le mafie si combattono con la verità e l’antimafia sociale.

“I SICILIANI giovani” GAPA (giovani assolutamente per agire) “I CORDAI” giornale del quartiere di San Cristoforo Fondazione la città invisibile

***

Hanno dieci anni e vivono tutti la trasformazione del quartiere più a rischio di Catania, conosciuto solo per la droga e le armi nascoste negli appartamenti fatiscenti.

Pirocchiu, Grattacielo, Menzabirra, Tigna, Lucio Dalla, sono dei ragazzi che disperatamente cercano un campo per tirare quattro calci ad un pallone.

E una partita diverrà un sogno mai realizzato.

con Luciano Bruno

soggetto Luciano Bruno drammaturgia Giuseppe Scatà luci Domenico Guglielmino regia Orazio Condorelli

concerto Orchestra Sinfonica Infantile Falcone Borsellino, diretta da Manuel Frias

Martedì 29 Aprile 2014 ore 20,45

Teatro Angelo Musco, Via Umberto 312, Catania

Ingresso libero con contributo volontario a sostegno della redazione de “I Siciliani giovani”