“P’amuri ra paci”

La marcia della pace da Perugia ad Assisi… sino a Catania

Toti Domina

 Perugia 9 ottobre 2016 ore 9.15: “Dobbiamo vincere l’indifferenza, dobbiamo cercare ogni giorno la pace, dobbiamo costruire ponti e solidarietà, dobbiamo accogliere e praticare la giustizia e la pace, valorizzare le diversità, non escludere ma includere” dal palchetto di Perugia, vicino la Porta San Girolamo, durante il raduno dei manifestanti poco prima dell’inizio della Marcia della pace Perugia-Assisi. La targa a Dino Frisullo, “pacifista rivoluzionario” col suo volto sorridente e le dita in alto in segno di vittoria, è lì a ricordarci di non abbandonare mai la lotta.
San Cristoforo Catania, 11 ottobre 2016 ore 15.30, doposcuola Gapa.Una mamma: “Maestra, nun c’ia faccio chiù, me figghiu Nino (nome di fantasia n.d.r.) non ascuta, scappa da scola e da casa. Iu c’iu ricu, figghio nun cumminari guai, p’amuri ra paci, figghiu miu p’amuri ra paci. A scola u iettanu sempre fora. Iddu avi u focu n’do culu e si susi sempre. Ci ricunu: si sempre u solitu, u malarucato, u rompiscatuli. Maestra, sugnu stanca, tagghianu l’autobus e pi travagghiari comu fimmina re pulizii ma fari un saccu di strada a peri. Viriti vuatri chi putiti fari”.

<img class="wp-image-4553 size-medium alignleft" src="http://www.associazionegapa.org/_/wp-content/uploads/2016/11/PA090043-300×251.jpg" alt="foto Toti Domina" width="300" height="251" srcset="http://www.associazionegapa.org/_/wp-content/uploads/2016/11/PA090043-300×251.jpg 300w, http://www.associazionegapa useful site.org/_/wp-content/uploads/2016/11/PA090043-768×643.jpg 768w, http://www.associazionegapa.org/_/wp-content/uploads/2016/11/PA090043-600×503.jpg 600w, http://www.associazionegapa.org/_/wp-content/uploads/2016/11/PA090043.jpg 881w” sizes=”(max-width: 300px) 100vw, 300px” />Perugia 9 ottobre 2016 ore 9.30: la marcia è partita verso Assisi, la nebbia circonda la folla come se volesse avvolgerla in un abbraccio di cielo, o forse per sottolineare che la strada è lunga e le nebbie da diradare sono tante per la via della vera pace. Tanti colori, sia di bandiere che di pelle. Volti sereni e felici, molti giovani. Tanti chilometri da fare. Tante domande, forse senza risposte.

San Cristoforo Catania, 11 ottobre ore 15.45, doposcuola Gapa. Nino non dà tregua: “Lassami stari, vecchio ponchiu fitusu, ma cu spacchiu si tu, ora ciu ricu a me frati e ti fazzu passari i guai. Nun ‘ma taliari, pezzu di babbu natali vavusu. Iu fazzu chiddu ca vogghiu, nun mi ni fazzu compiti, putiti moriri”.
Assisi, 9 ottobre 2016 ore 15.30: “Dopo tanta strada siamo arrivati, siamo in centomila, tanti giovani, tante scolaresche. Il futuro siete voi giovani, voi bambini. Dovrete essere voi i primi costruttori di pace. Grazie a tutti torneremo a casa più carichi di entusiasmo e vogliosi di giustizia. Vedo tante amministrazioni comunali presenti, che il vostro impegno sia quotidiano per la pace nelle vostre comunità, nelle vostre città” dal palco della Rocca di Assisi in conclusione della marcia.
San Cristoforo Catania, 11 ottobre ore 16.00, doposcuola Gapa. Nino pare aver deciso: “Minni vaiu ri cà, m’aviti scassatu, lassatimi in paci”. Sale sullo scooter del fratello e ripartono a tutta velocità. Il silenzio ritorna al doposcuola, tutti gli altri bambini completano i compiti tranquillamente e poi si gioca insieme. Sembra tornata la pace.
San Cristoforo Catania, 17 ottobre ore 15.30, doposcuola Gapa. La mamma riaccompagna Nino: “Vosi tunnari, rici ca oggi si cumpotta bonu. M’arraccumannu – rivolgendosi al figlio – senza insuttare i maestri e ascutili!”. È finita la pace al doposcuola, o forse chissà, è appena cominciata…